La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Recupero dati da un NAS semplice

I dispositivi NAS (Network Attached Storage) stanno diventando sempre più diffusi sia negli ambienti domestici che nelle piccole e medie imprese. Rispetto ai file server basati su PC, sono economici, consumano meno elettricità e sono facili da mantenere anche per una persona non così esperta.

La maggior parte dei dispositivi NAS utilizza RAID di vario tipo per tutelarsi dai guasti del disco e preservare i dati dati. Molti fornitori di NAS offrono ai loro clienti i loro sistemi di gestione RAID proprietari che sono in grado di combinare diversi dischi rigidi in sistemi piuttosto complessi. Questi sistemi consentono agli utenti domestici o di piccole imprese di utilizzare in modo efficiente i loro dischi rigidi di archiviazione, ma presentano anche uno svantaggio: quando si tratta di dover recuperare i dati, non è chiaro come gestire tali sistemi RAID.

Questo articolo ti mostrerà come utilizzare il nostro programma di recupero dati R-Studio per recuperare file dalle tipiche configurazioni NAS semplici.

Note generali sul recupero dei dati dai dispositivi NAS
La maggior parte dei dispositivi NAS commerciali differisce dai normali PC: molto spesso utilizzano CPU non compatibili con Intel (solitamente processori PowerPC), non hanno porte di uscita video e è impossibile collegare loro una tastiera e un mouse. Pertanto nessuno degli strumenti di recupero dati disponibili, inclusi R-Studio o R-Studio Agent, può essere eseguito direttamente su tali dispositivi. Ecco perché i dischi dovrebbero essere estratti da tali dispositivi e collegati a un computer su cui è installato R-Studio.

La maggior parte dei dispositivi NAS funziona su una versione personalizzata del sistema operativo Linux. Tutti i vari sistemi di gestione RAID proprietari si basano su due tecnologie RAID Linux: mdadm e LVM2. Questi sistemi creano interfacce più user-friendly per la gestione del disco, mentre la tecnologia sottostante rimane pura Linux nativa. R-Studio supporta entrambe queste tecnologie e nella maggior parte dei casi può assemblare tali RAID automaticamente.

Ti consigliamo inoltre di salvare le immagini dei dischi, come fanno sempre i professionisti del recupero dati, e di eseguire tutto il ripristino dei file da tali immagini. Il nostro articolo Clone Disks before File Recovery spiega perché. Lo svantaggio di questo approccio è che tali immagini possono essere piuttosto grandi e, se lo spazio su disco per archiviare tali immagini è un problema, è possibile recuperare i dati direttamente dai dischi, a condizione di essere assolutamente sicuri che i dischi nel dispositivo NAS siano sano. Puoi verificarlo usando gli attributi S.M.A.R.T., che spiegheremo più avanti.

Avrai anche bisogno di uno spazio libero su disco abbastanza grande per archiviare i file recuperati. Può essere un disco interno o esterno o un altro dispositivo di archiviazione visibile al computer host, inclusi i dischi di rete collegati.

In questo articolo utilizzeremo OpenMediaVault gratuito come NAS di prova perché può utilizzare le tecnologie RAID e LVM2 nel modo più trasparente.

Se i dischi NAS sono stati riformattati, puoi anche utilizzare questo articolo per ricreare i RAID e quindi seguire le istruzioni nel nostro articolo Recupero dati da un disco ext4FS riformattato.

Un NAS basato su RAID mdadm
Configurazione NAS:
Abbiamo utilizzato tre dischi da 500 GB in questa configurazione. Il modo più efficiente per utilizzarli è creare un RAID5. è un buon compromesso tra spazio di archiviazione e affidabilità.

La Fig. 1 mostra i componenti di un tale RAID5 creato utilizzando la tecnologia mdadm.
componenti mdadm RAID5
Fig. 1. componenti mdadm RAID5.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Un volume ext4fs basato su questo RAID5 è stato creato e reso accessibile su una rete locale come condivisione //NAS-TEST/NAS-test/. Quindi alcuni file sono stati scritti in quella condivisione. La Fig. 2 mostra il file system memorizzato su questo dispositivo NAS.
File system sul dispositivo NAS.
Fig.2. File system sul dispositivo NAS.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quindi la cartella SF contenente i file jpg è stata eliminata.
File system sul dispositivo NAS con la cartella SF eliminata
Fig.3. File system sul dispositivo NAS con la cartella SF eliminata.
Clicca sull'immagine per ingrandire

A peggiorare la situazione, un disco nel RAID5 si è guastato. Il suo stato S.M.A.R.T. è diventato rosso (segnalando un errore) e presto il disco ha smesso di funzionare.
Un disco guasto nel RAID5
Fig.4. Un disco guasto nel RAID5.
Clicca sull'immagine per ingrandire

A causa di questo guasto hardware, la condivisione NAS è diventata inaccessibile sulla rete locale.

Condivisione NAS inaccessibile
Fig.5. Condivisione NAS inaccessibile.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Recupero dati:
Come detto prima in questo articolo, i dischi dovrebbero essere estratti dal dispositivo NAS e collegati a un computer con R-Studio installato e il ripristino dei dati dovrebbe avvenire su quel computer.

1. Avvia R-Studio e individua il NAS mdadm RAID5 e i suoi componenti:
mdadm RAID5 in R-Studio
Fig.6. mdadm RAID5 in R-Studio.
Clicca sull'immagine per ingrandire

È anche possibile aggiungere manualmente i componenti RAID5, se R-Studio non è in grado di identificarne automaticamente alcuni. Per i dettagli, vedere la guida di R-Studio: Linux mdadm RAID.

2. Quindi controlla immediatamente lo stato S.M.A.R.T. dei componenti RAID5. Seleziona il disco e il suo S.M.A.R.T. scheda.
Attributi S.M.A.R.T. dei componenti RAID5
Fig.7. Attributi S.M.A.R.T. dei componenti RAID5.
Clicca sull'immagine per ingrandire
Nel nostro caso, tutti i componenti sono integri e possiamo recuperare i dati direttamente dai dischi fisici anziché dalle loro immagini.

3. Fare doppio clic su mdadm RAID5 e attendere che R-Studio enumeri i file. Individua la cartella eliminata e inizia a sfogliare i suoi file.
Cartella eliminata in R-Studio
Fig.8. Cartella eliminata in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

4. Controlla le possibilità di recupero dei file. Fai clic con il pulsante destro del mouse su un file e seleziona Ricontrolla possibilità di ripristino nel menu di scelta rapida.
Ricontrollare le possibilità di recupero.
Fig.9. Ricontrollare le possibilità di recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Selezionare Verifica coerenza dei file noti nella finestra di dialogo Ricontrolla possibilità di ripristino per migliorare l'accuratezza della stima.
Possibilità di recupero
Fig.10. Possibilità di recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire

5. Puoi cercare file specifici e visualizzarli in anteprima.
Per i file grafici, puoi farlo in due modi:

a) Visualizzandoli come icone.
File grafici come piccole icone.
Fig.11. File grafici come piccole icone.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Puoi selezionare la scheda Icone piccole, Icone medie o Icone grandi, a seconda di ciò che ti è più comodo.

b) Visualizzando un file particolare in un Visualizzatore di anteprima file integrato. Fare doppio clic sul file per visualizzarlo.
Visualizzatore di file in anteprima.
Fig.12. Visualizzatore di file in anteprima.
Clicca sull'immagine per ingrandire

La funzione anteprima file in R-Studio supporta molti formati di file, inclusi quasi tutti i file grafici, video e audio e documenti Microsoft Office, Open/Libre Office e pdf. Li riproduce/mostra anche senza le loro applicazioni native installate.

Puoi anche cercare singoli file e cartelle. Per i dettagli, vedere la guida di R-Studio: Ricerca di un file.

6. Contrassegna i file per il ripristino
File contrassegnati per il ripristino
Fig.13. File contrassegnati per il ripristino.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quando tutti i file necessari sono contrassegnati, fare clic sul pulsante Recupera contrassegnati e specificare la posizione in cui archiviare i file recuperati e altri parametri di ripristino.
File contrassegnati per il ripristino
Fig.14. Parametri di recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Per i dettagli, vedere la guida in linea di R-Studio: Recupero file di base.

Quando tutti i parametri sono stati specificati, fare clic sul pulsante OK e R-Studio avvierà il ripristino del file mostrando il suo avanzamento.
Progresso del recupero
Fig.15. Progresso del recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quando il ripristino è completato, puoi andare alla cartella in cui sono stati salvati i file recuperati e sfogliarli.
File recuperati
Fig.16. File recuperati.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Un NAS basato su mdadm RAID/LVM2
Configurazione NAS:
In questa configurazione verrà utilizzato un altro set di dispositivi di archiviazione: un disco da 1 TB e due da 500 GB. La Fig. 17 mostra questo set di dischi.
Set di dischi per il NAS basato su mdadm RAID/LVM2
Fig.17. Set di dischi per il NAS basato su mdadm RAID/LVM2.
Clicca sull'immagine per ingrandire

In questo caso, il miglior compromesso tra spazio di archiviazione e affidabilità consiste nel creare un volume LVM2 di linea (sequenziale) di due dischi da 500 GB e quindi creare un volume RAID1 (mirror) del disco da 1 TB e il volume LVM2 lineare. La Fig. 18 mostra questa configurazione.
Configurazione del volume del NAS basato su mdadm RAID/LVM2
Fig.18. Configurazione del volume del NAS basato su mdadm RAID/LVM2.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Un volume ext4fs basato su questo RAID5 è stato creato e reso accessibile su una rete locale come condivisione //NAS-TEST/NASTest/. Quindi, alcuni file sono stati scritti in quella condivisione. La Fig. 19 mostra il file system memorizzato sul dispositivo NAS.
File system sul dispositivo NAS.
Fig.19. File system sul dispositivo NAS.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quindi, il disco da 1 TB si è guastato e la condivisione è diventata inaccessibile sulla rete.

È necessario eseguire una procedura speciale di recupero dati per recuperare tutti i file.

Recupero dei dati:
Anche in questo caso, i dischi devono essere estratti dal dispositivo NAS e collegati a un computer con installato R-Studio e il ripristino dei dati deve avvenire su quel computer.

1. Avvia R-Studio e individua i dischi NAS e crea automaticamente mdadm RAID1.
 mdadm RAID1 e i suoi componenti in R-Studio
Fig.20. mdadm RAID1 e i suoi componenti in R-Studio.
Clicca sull'immagine per ingrandire

R-Studio dovrebbe crearlo rilevando i parametri RAID automaticamente. È inoltre possibile aggiungere manualmente i componenti mdadm RAID1, se R-Studio non è in grado di identificarne automaticamente alcuni, consulta la guida di R-Studio per i dettagli: Linux mdadm RAID.

Il componente di questo mdadm RAID1 è un altro oggetto disco complesso: un volume LVM Test_1-Test_1.

2. Per controllare lo stato S.M.A.R.T. dei dischi rigidi dal NAS, è necessario individuarli nel pannello Visualizzazione dispositivo. Seleziona l'oggetto Test_1-Test_1 e individua i suoi dischi rigidi.
Volume LVM2 e suoi componenti in R-Studio
Fig.21. Volume LVM2 e suoi componenti in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Controlla lo stato S.M.A.R.T. di tali dischi rigidi selezionando l'unità nel pannello Visualizzazione dispositivo e la relativa scheda S.M.A.R.T.
Attributi S.M.A.R.T. dei componenti LVM2
Fig.22. Attributi S.M.A.R.T. dei componenti LVM2.
Clicca sull'immagine per ingrandire

3. R-Studio ha trovato automaticamente un file system valido su questo mdadm RAID1 (l'oggetto virt-mdadm-NAS-Test:0). Fare doppio clic su questo oggetto e attendere che R-Studio enumeri i file.
File system sul dispositivo NAS
Fig.23. File system sul dispositivo NAS.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Nessun file è stato eliminato dal dispositivo NAS, ecco perché R-Studio è in grado di determinare immediatamente le possibilità di un corretto ripristino dei file. Quindi, non c'è bisogno di ricontrollarli di nuovo.

4. Puoi cercare file specifici e visualizzarli in anteprima.
Per i file grafici, puoi fare in modo che R-Studio li mostri come icone.
File grafici mostrati come icone.
Fig.24. File grafici mostrati come icone.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Molti altri file possono essere visualizzati in un Visualizzatore di anteprima file integrato. Fare doppio clic sul file per riprodurlo.

La funzione anteprima file in R-Studio supporta molti formati di file, inclusi quasi tutti i file grafici, video e audio e documenti Microsoft Office, Open/Libre Office e pdf. Li riproduce/mostra anche senza le loro applicazioni native installate.
File grafici mostrati come icone
Fig.25. File filmato riprodotto in Previewer.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Puoi anche cercare singoli file e cartelle. Per i dettagli, vedere la guida di R-Studio: Ricerca di un file.

5. Contrassegna i file per il ripristino.
File contrassegnati per il ripristino
Fig.26. File contrassegnati per il ripristino.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quando tutti i file necessari sono contrassegnati, fare clic sul pulsante Recupera contrassegnati e specificare una posizione in cui archiviare i file recuperati e altri parametri di ripristino.
File contrassegnati per il ripristino
Fig.27. Parametri di recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire.

Nella maggior parte dei casi, lasciali con i loro valori predefiniti. Se necessario, vedere la guida di R-Studio per ulteriori dettagli: Recupero file di base.

Quando tutti i parametri sono stati specificati, fare clic sul pulsante OK e R-Studio avvierà il ripristino del file mostrando il suo avanzamento.
Rapporto di recupero file
Fig.28. Progresso del recupero.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Una volta completato il ripristino, puoi andare alla cartella in cui sono stati salvati i file recuperati e sfogliarli.
File recuperati
Fig.29. File recuperati.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Conclusioni
In entrambi i casi di ripristino NAS, R-Studio ha ripristinato la configurazione RAID automaticamente anche per volumi mdadm/LVM2 complessi, ha trovato file e cartelle eliminati e è stato in grado di recuperare tutti i file, anche quelli cancellati.

Commenti sul Recupero dati Linux
14 feedbacks
Rating: 4.9 / 5
Hello!
Thank you very much for R-Studio for Linux.
Please pay attention to new Linux package manager `Snappy` => https://snapcraft.io/
Good luck!
Great programm, great service, TOP !A+++
While currently evaluatin R-Studio for Linux i`m quite impressed with how thorough it is.

Regrettably it`s not possible to simply restore the accidently zapped partitions ?

An installer wiped my boot drive without asking and erased LVM and other partitions.
I used R-Linux to recovery my company files after a RAID 1 failure. Not only did it work great in windows 10 but it was free. You guys are awesome!!! A+++++++++++++ I hope I never need your software again:)
R-Linux 5.4 восстановил данные c переразбитого и переформатированного два раза раздела, после переустановки ОС дважды! Лучший софт!