La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Imaging multi-pass in R-Studio

Le versioni di R-Studio Technician possono eseguire tre tipi di imaging degli oggetti:

  • Imaging lineare (dall'inizio alla fine dell'unità)
  • Runtime Imaging (imaging dell'unità in parallelo con altre operazioni dell'unità)
  • Imaging multi-pass (esecuzione dell'imaging del drive attraverso più passaggi)

Il grafico di confronto può essere esaminato nel nostro articolo, Imaging lineare vs Runtime imaging vs imaging multi-pass.

I programmi di imaging delle unità disco convenzionali leggono il disco dall'inizio alla fine dividendolo in blocchi, o gruppi di settori consecutivi, che vengono letti in una volta sola. Quando incontrano aree con settori danneggiati o lenti, cercano comunque di leggerle per intero. Ciò potrebbe comportare la perdita completa di dati da tali blocchi o far sì che il programma passi alla lettura di singoli settori, riducendo così notevolmente la velocità di lettura. Inoltre, il programma potrebbe bloccarsi durante la lettura di quei settori danneggiati, andando a danneggiare fisicamente l'unità. Di conseguenza, l'unità potrebbe cedereprima che il programma inizi a leggere i dati dalle parti sane del disco.

Invece, un programma che utilizza l'imaging multi-pass tenta di estrarre prima i dati dalle parti ancora sane dell'unità, lasciando le aree danneggiate e lente a passaggi successivi. Se incontra un settore danneggiato o lento, lo e salta e procede verso un'altra area finché non ne trova una senza settori danneggiati. Quindi, continua a leggere i dati finché non si imbatte in un altro blocco danneggiato, in cui il processo si ripete. Quando le aree sane sono state lette, il programma inizia a leggere i dati dai settori lenti e danneggiati. Questo approccio massimizza la quantità di dati che possono essere recuperati da un'unità guasta.

R-Studio può eseguire l'imaging multi-pass nelle sue versioni Technician e T80+. Inoltre, l'imaging multi-pass può essere utilizzato insieme a hardware speciale per il recupero dei dati come DeepSpar USB Stabilizer, che aumenta notevolmente le possibilità di un corretto ripristino dei dati, anche da unità in condizioni hardware critiche.

L'imaging multi-pass implementato in R-Studio è costituito da quattro fasi:

FASE 1. Copia di dati validi dall'unità.
R-Studio legge i dati dall'unità per blocchi. La fase viene eseguita in più passaggi.

Passaggio 1. R-Studio legge i dati dall'unità finché non si imbatte in un blocco con almeno un settore danneggiato. Quindi salta un certo numero di settori e prova a leggere i dati in una nuova posizione. Se si imbatte in un altro blocco con un settore danneggiato, aumenta il numero di settori da saltare e ripete il processo finché non trova un blocco sano. Quindi, R-Studio continua a leggere i dati finché non si imbatte in un altro blocco con un settore danneggiato.
Fase 1. Scoperta del Front Edge
Clicca sull'immagine per ingrandire

R-Studio elabora i settori lenti allo stesso modo.

Quando questo passaggio sarà stato completato, R-Studio avrà letto i dati dalla maggior parte delle aree sane e trovato i "margini" delle aree del settore danneggiato e lento.

Passaggio 2. R-Studio cerca i "margini" posteriori delle aree del settore danneggiato, procedendo all'indietro finché non si imbatte in un blocco con un settore danneggiato. Quindi, R-Studio passa a un'altra area e il processo viene ripetuto fino a quando tutte le aree del settore danneggiato non sono state elaborate.
Fase 1. Scoperta del "margine" posteriore
Clicca sull'immagine per ingrandire

Al termine di questo passaggio, R-Studio avrà letto i dati da alcune aree sane e avrà rilevato i blocchi (o margini) anteriore e posteriore di tutte le aree del settore danneggiato.

Nei due passaggi successivi, R-Studio elabora aree di settore lente senza controllare la velocità di lettura rispetto alla velocità minima di I/O.

Passaggio 3. R-Studio legge i dati da aree di settore lento. Lo fa in modo simile al processo per le aree del settore danneggiato.

Legge un'area del settore lento per blocchi finché non si imbatte in un blocco con un settore danneggiato. Quindi salta un certo numero di settori, e così via, finché non trova un blocco senza settori danneggiati. Quindi continua a leggere i dati finché non si imbatte in un altro blocco con settore danneggiato e il processo viene ripetuto fino a quando tutte le aree del settore lento non sono state elaborate.
Fase 1. Elaborazione dell'area lenta, rilevamento del "margine" anteriore
Clicca sull'immagine per ingrandire

Una volta completato questo passaggio, R-Studio avrà effettivamente letto i dati da tutte le aree del settore lento e rilevato i blocchi anteriori, o "margini", di tutte le aree del settore danneggiato all'interno delle aree del settore lento.

Passaggio 4.. R-Studio trova i bordi posteriori delle aree del settore danneggiato nelle aree del settore lento. Legge l'area saltata dalla sua estremità, lavorando all'indietro finché non si imbatte in un blocco con un settore danneggiato. Quindi, R-Studio passa a un'altra area del settore danneggiato e il processo continua fino a quando tutte le aree del settore danneggiato non sono state elaborate.
Fase 1. Elaborazione dell'area lenta, rilevamento del "margine" posteriore
Clicca sull'immagine per ingrandire

Una volta completato questo passaggio, R-Studio avrà letto alcuni nuovi dati dalle aree lente e rilevato i blocchi anteriori e posteriori, o "margini", di tutte le aree del settore danneggiato all'interno delle aree del settore lento.

Passaggio 5.. R-Studio tenta di leggere tutti i blocchi di settore ignorati. Ciò viene fatto senza saltare i blocchi del settore danneggiato e controllare la velocità di lettura rispetto alla velocità minima di I/O.

Al termine della Fase 1, R-Studio ha letto la maggior parte dei dati leggibili e ha rilevato i "margini" anteriori e posteriori di tutte le aree del settore danneggiato.

Nelle prossime fasi, R-Studio cerca di leggere il resto dei dati e lo fa settore per settore piuttosto che per blocchi di settore.

FASE 2. Rifilatura.
In questa fase, R-Studio rileva i settori anteriore e posteriore delle aree del settore danneggiato. Legge il blocco anteriore di un'area finché non si imbatte in un settore danneggiato. Quindi legge il blocco posteriore dell'area del settore danneggiato e lavora all'indietro fino a quando non si imbatte in un settore danneggiato.
Fase 2. Rifilatura
Clicca sull'immagine per ingrandire

Al termine di questa fase, R-Studio avrà letto alcuni nuovi dati dalle aree del settore danneggiato e rilevato i settori anteriore e posteriore di tutte le aree del settore danneggiato.

FASE 3. Raschiatura.
In questa fase R-Studio cerca di leggere i dati da aree di settore danneggiato settore per settore. Potrebbero esserci settori sani o meno.
Fase 3. Raschiatura
Clicca sull'immagine per ingrandire

Al termine di questa fase, R-Studio avrà letto tutti i dati leggibili dall'intero drive.

FASE 4. Nuovo tentativo (opzionale).
In questa fase R-Studio tenta di leggere i dati dai settori danneggiati con diversi tentativi.

È possibile controllare i parametri dell'imaging multi-pass nella scheda Elaborazione settore danneggiato della finestra di dialogo Crea immagine.
Scheda di elaborazione del settore danneggiato
Clicca sull'immagine per ingrandire

Nome file immagine Specifica il nome e il percorso del file immagine
Tipo di immagine: Immagine compressa (compatibile con R-Drive Image): se questa opzione è selezionata, R-Studio creerà un file immagine che può essere compresso, diviso in più parti e protetto da password. Questo file immagine è completamente compatibile con le immagini create da R-Drive Image, ma non è compatibile con le versioni precedenti di R-Studio.
Byte-by-byte image: Se questa opzione è selezionata, R-Studio creerà una copia esatta del disco.
Immagine VMDK (VMware Virtual Machine Disk): Se questa opzione è selezionata, R-Studio creerà un'immagine di Tipo di disco virtuale VMware.
File della mappa del settore dell'unità Un file con la mappa del settore del disco da visualizzare. Facoltativo per il tipo di immagine RDI, obbligatorio per i tipi di immagine byte per byte e VMDK.
Abilita la creazione di immagini in più passaggi Attiva e disattiva l'imaging multi-pass.
Se possibile, eseguire la lettura in ordine inverso Inverte la direzione di tutte le fasi/passi.
Dimensione minima del salto Dimensione minima dell'area dell'unità da saltare quando si incontra un settore danneggiato.
Numero di tentativi (fase di nuovo tentativo) Il numero di tentativi di lettura nella fase di nuovo tentativo.
Disabilita le fasi di imaging Fasi multi-imaging che possono essere saltate.

R-Studio mostra l'avanzamento dell'imaging multi-pass e le sue statistiche durante il processo.
Progresso dell'imaging a più passaggi
Clicca sull'immagine per ingrandire

Conclusioni:
L'imaging multi-pass è uno strumento molto potente per creare immagini di dischi rigidi guasti. Oltre a estrarre dati validi dall'unità, riduce anche l'usura dell'hardware del disco, riducendo notevolmente le possibilità che si guasti completamente durante il processo di imaging. R-Studio lavora nel modo più avanzato, fornendo una regolazione molto flessibile per tutti i parametri di imaging necessari.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...