La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Recupero dati da un disco Linux crittografato dopo un arresto anomalo del sistema

Un computer con una distro Ubuntu 14.04 era in fase di aggiornamento del software di sistema quando si è verificata un'interruzione di corrente. Ora il computer non si avvia. Sembra un caso semplice? Non esattamente. C'è una cattiva notizia: il sistema è stato installato su un file system LVM crittografato. La buona notizia è però che la password non è stata dimenticata. Ecco la sfida: recuperare i file dell'utente.

La prima mossa naturale è creare un disco di avvio di Ubuntu, avviare il computer, montare il file system e copiare i file su un altro disco. Quindi, il sistema operativo sul computer potrà essere riparato o reinstallato. Questo funzionerà solo se il file system è intatto. In caso negativo, cosa fare quando i file diventano inaccessibili?

È possibile utilizzare un'altra macchina Linux con R-Studio per Linux installato, ma potrebbe non essere disponibile. Quindi, questo articolo mostrerà come utilizzare invece R-Studio per Windows. Vedremo anche alcune informazioni su come lavorare con Ubuntu per coloro che non hanno molta familiarità con questo sistema operativo.

I sistemi Windows non possono accedere direttamente alle partizioni Linux crittografate, quindi è necessario utilizzare il ripristino dei dati tramite rete. Quindi, abbiamo bisogno di due computer collegati a una rete: una macchina Windows con R-Studio Network installata e il computer Ubuntu interessato. Abbiamo anche bisogno di un posto dove archiviare i dati recuperati. Potrebbe essere un qualsiasi disco visibile sul sistema Windows o un disco rigido esterno collegato al computer Ubuntu. Oltre a tutti i file system nativi di Linux, un'unità di questo tipo può essere formattata come dispositivo NTFS.

Processo di recupero dati
Creazione di un disco di avvio di Ubuntu
1. Scarica l'immagine di installazione di Ubuntu 14.04 e crea un disco di avvio USB. Il sito ufficiale di Ubuntu lo spiega in dettaglio: Scarica Ubuntu Desktop e Come creare una chiavetta USB avviabile su Windows.

Tieni presente che, sebbene sia sufficiente avere una chiavetta USB da 2 GB per installare Ubuntu, avremo bisogno di molto più spazio su disco per eseguire il ripristino dei dati. Useremo un dispositivo SSD da 32 GB come disco di avvio.

Lavorare con il computer Ubuntu
2. Avvia il computer Ubuntu usando il disco di avvio di Ubuntu e seleziona Prova Ubuntu nella finestra Installa.
Schermata di avvio di Ubuntu
Fig. 1. Schermata di avvio di Ubuntu
Clicca sull'immagine per ingrandire

3. Individua i dischi crittografati.
Dischi crittografati ed esterni in Ubuntu
Fig.2. Dischi crittografati ed esterni in Ubuntu
Clicca sull'immagine per ingrandire

Sbloccali cliccando e inserendo la password.
Sblocco dei dischi crittografati
Fig.3. Sblocco dei dischi crittografati
Clicca sull'immagine per ingrandire

Individua il disco esterno e fai doppio clic per montarlo.

4. Sposta il cursore nell'angolo in alto a sinistra, fai clic sul pulsante Trova, inserisci Ter ed esegui il programma Terminale.
Avvio del terminale
Fig.4. Avvio del terminale
Clicca sull'immagine per ingrandire 5. Nel Terminale, inserisci sudo -i per ottenere i privilegi di superutente.

6. Determinare l'indirizzo IP del computer inserendo ip addr show
Trovare l'indirizzo IP
Fig.5. Trovare l'indirizzo IP
Clicca sull'immagine per ingrandire

7. Esegui Firefox, vai su r-tt.com e scarica R-Studio Agent for Linux.
URL per R-Studio Agent for Linux
Fig.6. URL per R-Studio Agent for Linux
Clicca sull'immagine per ingrandire

Per impostazione predefinita, Firefox lo posizionerà nella cartella Download. Chiudi Firefox.

8. Fai clic sul pulsante Cartella, vai alla cartella Download e fai doppio clic sul file scaricato. Estrarre il file rsagent.
Estrarre R-Studio Agent for Linux
Fig.7. Estrarre R-Studio Agent for Linux
Clicca sull'immagine per ingrandire

9. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file rsagent, selezionare la scheda Autorizzazione e verificare che Consenti l'esecuzione del file come programma sia selezionato.
Impostazione delle autorizzazioni per R-Studio Agent per Linux
Fig.8. Impostazione delle autorizzazioni per R-Studio Agent per Linux
Clicca sull'immagine per ingrandire

Chiudi questa finestra e torna al Terminale.

10. Vai alla cartella Download:
cd /home/ubuntu/Downloads
quindi esegui R-Studio Agent digitando ./rsagent

11. Configura R-Studio Agent. Puoi inserire una password molto semplice se lavori su una rete locale.
Avvio di R-Studio Agent for Linux
Fig.9. Avvio di R-Studio Agent for Linux
Clicca sull'immagine per ingrandire

Puoi leggere ulteriori informazioni sulla configurazione di R-Studio Agent for Linux nell'aiuto di R-Studio: R-Studio Agent for Linux.

Ignora l'avviso Non registrato se il tuo R-Studio è registrato correttamente.

Lavorare con il computer R-Studio
12. Collega R-Studio al computer Ubuntu.
Connessione di R-Studio al suo client per Linux
Fig.10. Connessione di R-Studio al suo client per Linux
Clicca sull'immagine per ingrandire
Consulta la guida di R-Studio: Recupero dati in rete per i dettagli.

13. Individua il file system LVM danneggiato.
LVM crittografato danneggiato
Fig.11. LVM crittografato danneggiato
Clicca sull'immagine per ingrandire

14. Scansiona il file system LVM.
Scansione dei parametri per LVM
Fig.12. Scansione dei parametri per LVM
Clicca sull'immagine per ingrandire
Ulteriori informazioni sui parametri di scansione nella guida di R-Studio: Scansione disco.

15. Visualizza i risultati della scansione e individua le partizioni riconosciute sul file system LVM.
Risultati della scansione
Fig.13. Risultati della scansione
Clicca sull'immagine per ingrandire

16. Aprire la partizione riconosciuta trovata. Se il file system è gravemente danneggiato, potrebbe volerci molto tempo.

17. Individua le cartelle dell'utente e contrassegna i file per il ripristino.
Partizione riconosciuta
Fig.14. Partizione riconosciuta
Clicca sull'immagine per ingrandire
È possibile utilizzare vari metodi di ricerca dei file per trovare e contrassegnare file particolari. Consulta la guida di R-Studio: Ricerca di un file e Recupero di file di massa per i dettagli.

18. Fare clic sul pulsante Recupera contrassegnato, selezionare un luogo in cui archiviare i file recuperati e specificare altri parametri di ripristino.
Recupera parametri e dischi per archiviare i file recuperati sul computer remoto
Fig.15. Recupera parametri e dischi per archiviare i file recuperati sul computer remoto
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quindi fare clic sul pulsante OK nella finestra di dialogo Recupera e R-Studio avvierà il ripristino dei file salvando i file sul disco esterno.
File recuperati sul disco NTFS esterno
Fig.16. File recuperati sul disco NTFS esterno
Clicca sull'immagine per ingrandire

Commenti sul Recupero dati Linux
14 feedbacks
Rating: 4.9 / 5
Hello!
Thank you very much for R-Studio for Linux.
Please pay attention to new Linux package manager `Snappy` => https://snapcraft.io/
Good luck!
Great programm, great service, TOP !A+++
While currently evaluatin R-Studio for Linux i`m quite impressed with how thorough it is.

Regrettably it`s not possible to simply restore the accidently zapped partitions ?

An installer wiped my boot drive without asking and erased LVM and other partitions.
I used R-Linux to recovery my company files after a RAID 1 failure. Not only did it work great in windows 10 but it was free. You guys are awesome!!! A+++++++++++++ I hope I never need your software again:)
R-Linux 5.4 восстановил данные c переразбитого и переформатированного два раза раздела, после переустановки ОС дважды! Лучший софт!