La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Come collegare i volumi RAID virtuali e LVM/LDM al sistema operativo

Con questo articolo vogliamo attirare l'attenzione degli specialisti del recupero dati sulla funzione di R-Studio Technician che consente di connettere qualsiasi oggetto virtuale esistente nel pannello Visualizzazione dispositivo al sistema operativo. Tale oggetto può essere una semplice immagine del disco, un RAID virtuale, qualsiasi volume creato da gestori di volumi logici supportati o qualsiasi loro combinazione. Una volta connessi, tali oggetti vengono visualizzati nel sistema operativo come un disco fisico virtuale di sola lettura o come partizione. I file su quei dischi/partizioni diventano accessibili al sistema operativo e a qualsiasi programma installato nel sistema.

Questa opzione ha due scopi principali:.

  • Molto spesso l'attività non riguarda il recupero di file da tale oggetto, ma piuttosto la navigazione nella struttura delle cartelle, guardare i file utilizzando le loro applicazioni native, copiarli in un'altra posizione e così via. Ad esempio, hai un'immagine di un vecchio disco e devi copiare diversi file che possono essere riprodotti solo da un'applicazione specifica. Oppure devi trovare un determinato progetto video o musicale. Invece di copiare tutti questi progetti da R-Studio in un altro posto, puoi semplicemente sfogliare l'immagine collegata come partizione e trovare il progetto necessario usando la sua applicazione nativa.
  • R-Studio Technician può creare un oggetto virtuale molto complesso che altri programmi di recupero dati non riescono a creare. D'altra parte, tali oggetti potrebbero avere file system che R-Studio Technician non supporta. In questo caso, R-Studio Technician può creare quell'oggetto virtuale e collegarlo al sistema operativo. Un altro programma di recupero dati che supporta quel file system può essere quindi utilizzato per recuperare effettivamente i file.

Di seguito, ti mostreremo come collegare tali oggetti virtuali creati in R-Studio Technician al sistema operativo host e quindi utilizzare un altro programma di recupero dati per ottenere l'accesso ai file.

Impostazione test
Per chiarezza e semplicità, nel nostro esempio utilizziamo un layout di oggetti virtuali molto semplice. In casi reali, un tale oggetto può essere molto complesso.

L'oggetto di prova è un RAID 1 (mirror) costituito da un volume LVM2 lineare (sequenziale) di due HDD da 320 GB e un HDD da 500 GB. È stato creato in Openmediavault; software NAS open source.
Layout di oggetti virtuali
Layout di oggetti virtuali
Clicca sull'immagine per ingrandire

Il RAID è stato formattato come volume XFS, ovvero il file system che R-Studio Technician non supporta.

Successivamente, l'HDD da 500 GB è stato rimosso dal layout lasciando disponibile solo il volume LVM. Il compito è ottenere l'accesso ai file su questo volume.

Useremo Active@ UNERASER (Freeware) come programma di recupero dati compatibile con XFS. L'abbiamo scelto per la sua interfaccia semplice e le prestazioni affidabili. Puoi utilizzare qualsiasi altro software di recupero dati che preferisci.

Creazione del disco fisico virtuale nel sistema operativo host
1. Collega i due dischi al computer su cui è installato R-Studio Technician, accendi il computer e avvia R-Studio Technician.

Ti consigliamo di utilizzare immagini anziché dischi rigidi reali in casi di recupero dati reali.

Al suo avvio, R-Studio Technician assemblerà automaticamente il volume LVM. Tuttavia, non potrà accedere ai suoi file perché non può riconoscere i volumi XFS.
Volume LVM assemblato in R-Studio Technician
Volume LVM assemblato in R-Studio Technician
Clicca sull'immagine per ingrandire

Ora dobbiamo connettere questo oggetto LVM al sistema per renderlo accessibile ad altri software che dovrebbero essere in grado di elaborare volumi XFS.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto e selezionare Monta nel menu di scelta rapida. Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Monta come unità virtuale".
Collegamento di un oggetto virtuale al sistema
Collegamento di un oggetto virtuale al sistema
Clicca sull'immagine per ingrandire

3. Seleziona "Monta come: unità fisica" e fai clic sul pulsante OK. Puoi anche connettere un oggetto come partizione, se necessario. Leggi la guida in linea di R-Studio Technician per sapere quale opzione è più adatta al tuo caso: Documentazione della guida in linea di R-Studio Collegamento di oggetti virtuali al sistema come unità virtuali.

* L'oggetto virtuale connesso apparirà come un oggetto separato nel riquadro di visualizzazione del dispositivo di R-Studio Technician.
Oggetto virtuale connesso al sistema come disco fisico virtuale
Oggetto virtuale connesso al sistema come disco fisico virtuale
Clicca sull'immagine per ingrandire

Questo oggetto apparirà anche nella scheda Gestione disco in Gestione computer.
Oggetto virtuale creato da R-Studio Technician
Oggetto virtuale creato da R-Studio Technician
Clicca sull'immagine per ingrandire

Successivamente, è necessario chiudere R-Studio Technician per evitare che interferisca con il lavoro di altri software che accederanno agli oggetti collegati. R-Studio Technician mostrerà un messaggio di avviso che alcuni dei suoi oggetti rimangono collegati al sistema.
Oggetti che rimarranno collegati dopo la chiusura di R-Studio Technician.
Oggetti che rimarranno collegati dopo la chiusura di R-Studio Technician.
Clicca sull'immagine per ingrandire

Accesso ai file sul disco fisico virtuale
1. Avvia Active@ UNERASER e individua il disco fisico virtuale creato da Tecnico R-Studio e l'oggetto LVM creato da Active@ UNERASER stesso.

Si noti che Active@ UNERASER non è riuscito a trovare alcuna traccia della partizione XFS nell'oggetto LVM che ha creato.
Oggetti LVM in Active@ UNERASER
Oggetti LVM in Active@ UNERASER
Clicca sull'immagine per ingrandire

Al contrario, Active@ UNERASER ha trovato alcuni segnali che indicano che potrebbero esserci partizioni sul disco fisico virtuale creato da R-Studio Technician.

2. Fai clic su Scansione rapida
Disco fisico virtuale creato da R-Studio Technician
Disco fisico virtuale creato da R-Studio Technician
Clicca sull'immagine per ingrandire

Ora attendi il completamento di QuickScan.
Avanzamento QuickScan
Avanzamento QuickScan
Clicca sull'immagine per ingrandire

A proposito, QuickScan potrebbe non essere sempre veloce.

3. Individua la partizione XFS trovata
Trovato partizione XFS
Trovato partizione XFS
Clicca sull'immagine per ingrandire

4. Seleziona la partizione XFST e fai clic su "Scansione volume"
partizione XFST
partizione XFST
Clicca sull'immagine per ingrandire

* Active@ UNERASER mostrerà cartelle e file trovati sulla partizione.
File trovati sulla partizione
File trovati sulla partizione
Clicca sull'immagine per ingrandire

Possiamo sfogliare le cartelle e visualizzare in anteprima i file facendo doppio clic su di essi. Questo ci consente di garantire che il file system sul disco fisico virtuale creato da R-Studio Technician venga ripristinato correttamente.
Anteprima file
Anteprima file
Clicca sull'immagine per ingrandire

Devi riavviare R-Studio Technician per disconnettere il disco fisico virtuale. Per fare ciò, fai clic sul disco collegato e seleziona "Smonta" dal menu di scelta rapida..

Conclusioni
Questo articolo ha dimostrato che R-Studio può connettere al sistema oggetti virtuali da esso creati e renderli accessibili al sistema stesso e ad altri software, inclusi programmi alternativi di recupero dati.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...