La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Rilevamento automatico dei parametri RAID

R-Studio consente di recuperare i dati da un RAID guasto creando un RAID virtuale. Una volta montato un RAID virtuale, R-Studio può recuperare i dati dal volume utilizzando la stessa potente tecnologia di recupero dati utilizzata su altri dischi e volumi. Tuttavia, la sfida consiste nel costruire un RAID virtuale valido dai dischi che lo compongono. Sebbene tu possa avere i dischi corretti (unità fisiche o immagini) per il RAID, potresti non conoscere i parametri per il volume RAID in fase di ripristino.

La scelta dei parametri RAID corretti è fondamentale per il montaggio del RAID virtuale e pertanto è essenziale per un corretto ripristino. Spesso, i parametri RAID possono essere ambigui o completamente sconosciuti. Esistono alcuni metodi per trovare manualmente i parametri RAID (consultare l'articolo "Trovare i parametri RAID"), ma il rilevamento manuale richiede una buona conoscenza della tecnologia RAID, delle caratteristiche del file system e di altri concetti tecnici. Ciò rende molto difficile trovare i parametri RAID, anche per gli utenti professionisti di R-Studio.

Per aiutare in questo compito, R-Studio ha introdotto la propria tecnologia per il rilevamento automatico dei parametri RAID. Con questa tecnologia, R-Studio può rilevare i parametri RAID per qualsiasi file system, anche se sono completamente sconosciuti all'utente. L'utilizzo di questa tecnologia non richiede competenze tecniche sui volumi RAID, ma la comprensione di alcuni principi software chiave sul rilevamento dei parametri RAID di R-Studio aumenterà notevolmente le possibilità di un ripristino dei dati RAID soddisfacente.

In questo articolo, tratteremo alcune note generali sull'utilizzo del rilevamento RAID automatico di R-Studio. Quindi, illustreremo questi punti con un esempio. Infine, affronteremo alcuni passaggi aggiuntivi che possono essere eseguiti per determinare le configurazioni RAID per scenari complessi di recupero dati.

Note generali
Indipendentemente dallo scenario di ripristino dei dati, è necessario osservare alcuni punti chiave prima di tentare di rilevare automaticamente i parametri RAID.

  • Tutti i dischi RAID o le relative immagini devono essere inclusi nel layout RAID. Se manca anche solo un disco, non è possibile eseguire il rilevamento dei parametri RAID. Questo è vero anche se il disco viene sostituito con un oggetto "disco mancante". L'unica eccezione è un disco di riserva senza dati RAID; i dischi di riserva possono essere esclusi dal layout RAID senza influire sulle possibilità di un rilevamento corretto dei parametri RAID.
  • L'inclusione dei dischi di riserva in un layout RAID virtuale è facoltativa. Come accennato in precedenza, quando si crea un RAID virtuale, i dischi di riserva non sono necessari per il rilevamento dei parametri RAID. La loro inclusione non aumenterà né diminuirà la tua percentuale di successo, ma influirà sul tempo necessario per elaborare il RAID. Se sei certo che un disco sia un disco di riserva senza dati RAID, puoi escluderlo in sicurezza dal tuo RAID virtuale. Se non sei sicuro, includi tutti i dischi e aspettati tempi di elaborazione più lunghi.
  • Il rilevamento dei parametri RAID potrebbe essere un processo molto lungo, soprattutto per RAID di grandi dimensioni. Sarà necessaria un po' di pazienza. R-Studio mostra i progressi per il rilevamento dei parametri RAID e indica un tempo stimato per il completamento.
  • Il rilevamento dei parametri RAID potrebbe non riuscire sempre. Il successo dipende da molti fattori. I fattori più importanti sono i tipi di dati archiviati nel RAID e l'entità del danno al volume. Anche la compressione dei dati ha un impatto: meno i dati vengono compressi, maggiori sono le possibilità che i parametri RAID vengano rilevati correttamente. Ad esempio, i parametri per i RAID con documenti Microsoft Office o OpenOffice, immagini non compresse (*.bmp), database e così via, hanno maggiori possibilità di essere rilevati con successo rispetto ai RAID con immagini compresse (*.jpg, *.TIFF, *.png) e video. Inoltre, i dati residui dei RAID precedenti ancora rimasti sui dischi RAID possono compromettere gravemente le prestazioni del rilevamento dei parametri RAID.

Se necessario, l'operazione di rilevamento dei parametri RAID può essere ripetuta più volte.

Rilevamento automatico di base dei parametri RAID
Questo esempio illustra un rilevamento automatico dei parametri RAID utilizzando un caso semplice. Per uno scenario come questo, il processo è facile e diretto.

Questi passaggi presuppongono una familiarità di base con le funzionalità di R-Studio. Per ulteriori informazioni o indicazioni, fare riferimento alla Guida in linea di R-Studio: Finding RAID Parameters.

1. Crea un oggetto RAID virtuale e aggiungi i suoi oggetti. Ignorare l'ordine del disco, il tipo RAID, la dimensione del blocco, ecc. Quindi, fare clic sul pulsante Rilevamento automatico.
componenti RAID
Fig. 1. componenti RAID
Clicca sull'immagine per ingrandire

2. R-Studio avvierà il processo di rilevamento automatico, mostrandone l'andamento. Al termine, la finestra di dialogo Rilevamento parametri RAID - Completato mostrerà i risultati.
Layout RAID rilevati
Fig.2. Layout RAID rilevati
Clicca sull'immagine per ingrandire

R-Studio selezionerà automaticamente la migliore variante trovata.

Si noti che in alcuni casi insoliti potrebbe esserci una differenza tra gli offset rilevati iniziali e finali. Questa è una situazione normale e non influisce sul rilevamento dei parametri RAID.
Differenza tra gli offset rilevati iniziale e finale
Fig.3. Differenza tra gli offset rilevati iniziale e finale
Clicca sull'immagine per ingrandire

3. Fare clic sul pulsante Applica nella finestra di dialogo Rilevamento parametri RAID - Completato e il layout RAID selezionato verrà applicato al RAID virtuale.
Layout RAID ricostruito
Fig.4. Layout RAID ricostruito
Clicca sull'immagine per ingrandire

4. Anteprima dei file per verificare che siano stati rilevati i parametri corretti. Se viene rilevato un file system valido sul RAID, R-Studio lo mostrerà. Per verificare che siano stati rilevati i parametri RAID corretti, è possibile aprire il volume e visualizzare in anteprima alcuni file.
File visualizzato in anteprima su un RAID ricostruito correttamente
Fig.5. File visualizzato in anteprima su un RAID ricostruito correttamente
Clicca sull'immagine per ingrandire

Passaggi successivi: cosa fare se R-Studio non è in grado di rilevare i parametri RAID dopo il primo tentativo
Esistono diversi motivi per cui R-Studio potrebbe non rilevare correttamente i parametri RAID dopo il primo tentativo. In alcuni casi, i dati potrebbero essere danneggiati troppo per consentire il rilevamento automatico dei parametri RAID. Ma se i dati sono più o meno intatti, ci sono alcune tecniche che possono aiutare R-Studio a rilevare i parametri corretti.

Scansiona il RAID
La scansione del Virtual Block RAID può essere d'aiuto quando R-Studio rileva parametri RAID apparentemente corretti, ma non riesce a trovare un file system valido sul RAID rilevato. Ciò è particolarmente utile quando lo spazio sui componenti RAID prima dell'offset è riempito con 0s. In questo caso, R-Studio potrebbe rilevare per la prima volta l'offset in modo errato.
Offset trovato erroneamente per il RAID
Fig.6. Offset trovato erroneamente per il RAID
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quando ciò si verifica, R-Studio potrebbe non trovare un file system valido sul RAID. Il volume Virtual Block RAID apparirà nel riquadro Unità, ma sotto di esso non verranno rilevati file system.
Nessun file system rilevato
Fig.7. Nessun file system rilevato
Clicca sull'immagine per ingrandire

In questo caso, il file system può essere trovato eseguendo la scansione del RAID. Selezionare la voce Virtual Block RAID e fare clic su Scansione. I file system rilevati verranno visualizzati sotto il disco Virtual Block RAID.
File system rilevato dopo la scansione RAID
Fig.8. File system rilevato dopo la scansione RAID
Clicca sull'immagine per ingrandire

Modifica dei parametri di rilevamento RAID
I parametri di rilevamento RAID predefiniti sono calibrati per fornire i risultati più affidabili per la più ampia gamma di casi. Sono disponibili due parametri avanzati che possono essere regolati in base alle esigenze: "Prestazioni di ricerca offset" e "Prestazioni di ricerca layout RAID". La regolazione di questi riduce la soglia per gli offset trovati o i layout RAID trovati visualizzati nei risultati. Per impostazione predefinita, vengono mostrati solo i risultati con maggiori probabilità di essere i parametri corretti. Tuttavia, per layout RAID più complessi (ad esempio, RAID 6), i parametri predefiniti possono filtrare gli offset o i layout RAID corretti. Puoi espandere i risultati visualizzati diminuendo i parametri "Prestazioni di ricerca offset" e "Prestazioni di ricerca layout RAID" spostando lo slider verso l'impostazione "veloce".

Nella figura seguente sono state utilizzate le impostazioni predefinite e non sono stati rilevati offset.
Nessun offset rilevato con i parametri di rilevamento predefiniti
Fig.9. Nessun offset rilevato con i parametri di rilevamento predefiniti
Clicca sull'immagine per ingrandire

Dopo aver diminuito il parametro "Prestazioni di ricerca offset" nel riquadro Opzioni avanzate e aver rilevato nuovamente, viene trovato l'offset corretto.
Viene rilevato un offset corretto quando il parametro "Prestazioni di ricerca offset" viene ridotto
Fig.10. Viene rilevato un offset corretto quando il parametro "Prestazioni di ricerca offset" viene ridotto
Clicca sull'immagine per ingrandire

Allo stesso modo, il parametro "Prestazioni di ricerca dei layout RAID" può essere ridotto per trovare più layout RAID.

Si consiglia prima di tutto ti provare con le impostazioni predefinite. Per layout RAID meno complessi, diminuendo una di queste impostazioni verranno visualizzati troppi risultati, rendendo la determinazione del layout corretto più dispendiosa in termini di tempo.

Selezionare manualmente un altro offset e layout RAID
Ciò può essere utile quando i dati RAID sono danneggiati al punto che nessuno dei passaggi precedenti produce risultati positivi.

Partendo dall'offset con il maggior numero di risultati, selezionarlo manualmente e ripetere il rilevamento. Quindi, seleziona manualmente un layout RAID con la probabilità più alta. Continuare questo processo di eliminazione finché non vengono trovati i parametri RAID corretti.

Conclusione
Il recupero dei dati da un RAID danneggiato è una sfida. Il rilevamento dei parametri RAID corretti è la chiave per riuscire a ripristinare i dati. Lo scenario migliore in assoluto è quello in cui la configurazione RAID precedente è stata archiviata o registrata prima dell'arresto anomalo. A parte questo, l'utilizzo della tecnologia di rilevamento automatico dei parametri RAID incorporata di R-Studio è la migliore linea d'azione successiva. Il rilevamento automatico dei parametri RAID di R-Studio funziona con un'affidabilità molto elevata per casi semplici e per situazioni più complesse, può essere utilizzato come potente strumento per determinare l'offset RAID e il layout RAID corretti.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...