La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Lavoro congiunto di R-Studio e HDDSuperClone

È difficile estrarre i dati da dischi rigidi malfunzionanti o guasti utilizzando le routine di sistema standard. Ad esempio, ogni volta che il sistema si imbatte in settori danneggiati sul disco rigido, la velocità di lettura diminuisce drasticamente, rendendo così l'imaging del disco un processo molto lungo. Esistono alcuni metodi per aggirare questo problema, come saltare alcuni settori nella speranza che i settori successivi siano leggibili, ma non sono implementati nei driver del disco standard. Altre volte, i dischi rigidi difettosi richiedono hardware e software specializzati.

Vengono in mente due esempi: PC-3000 da ACELab e DeepSpar Disk Imager™ da DeepSpar. Hanno guadagnato ottime posizioni nella comunità di recupero dati e sono ampiamente accettati nei laboratori informatici di tutto il mondo, e funzionano anche molto bene anche con R-Studio. Per ulteriori dettagli, vedere la pagina della guida di R-Studio DeepSpar Disk Imager™ e il nostro articolo "Lavoro congiunto di R-Studio e hardware UDMA PC-3000".

Le soluzioni hardware hanno i loro svantaggi, di cui il più importante è il prezzo. Molto spesso le considerazioni sui costi limitano il numero di tali dispositivi che molte piccole società di recupero dati possono permettersi o, nel peggiore dei casi, impediscono loro di avere anche un solo pezzo di tale hardware.

Tuttavia, ci sono buone alternative per l'hardware di recupero dati: soluzioni software pure. Usano le porte I/O del disco di sistema per l'emulazione hardware, e utilizzano propri driver con controlli estesi che non sono disponibili nei driver di sistema standard. Tali soluzioni presentano alcune limitazioni rispetto alle loro controparti hardware, ma possono comunque risolvere la maggior parte delle attività di estrazione dei dati. Tenendo conto del loro costo minimo, non sorprende che queste soluzioni software siano ampiamente utilizzate.

Di solito queste soluzioni software funzionano sotto Linux, poiché questo sistema operativo offre la massima flessibilità nelle operazioni del disco tra i principali sistemi operativi per PC.

HDDSuperClone di SD Computing Service è una soluzione software per attività di imaging del disco, clonazione ed estrazione dei dati. È specificamente progettato per funzionare con dischi rigidi instabili, difettosi o in esaurimento. Utilizza diverse tecniche avanzate per estrarre i dati dai dischi rigidi con settori danneggiati e altri problemi hardware mentre fa tutto il possibile per evitare di infliggere ancora più danni all'unità in elaborazione.

Ha due modalità operative:
1. La modalità di clonazione/imaging del disco: copia semplicemente i dati da un disco (l'origine) a un altro disco o un file (il target). Crea anche un file di mappa del disco (il registro) che specifica i settori che non possono essere letti (i settori danneggiati). Tali dati possono essere elaborati da un programma di recupero dati di terze parti. Questa modalità è disponibile sia in versione gratuita che commerciale, con alcune piccole limitazioni per la prima.

2. Una modalità di unità virtuale (solo la versione commerciale): in questa modalità, HDDSuperClone installa un driver speciale che crea un'unità virtuale dal disco. Questa unità virtuale diventa accessibile al sistema operativo host e ad altri programmi.

Il driver HDDSuperClone utilizza tutti i metodi avanzati per estrarre i dati dal disco problematico, ma non è tutto. Il vantaggio principale di questa modalità è l'imaging parziale dell'unità sorgente. Quando un programma accede ad alcuni dati su quell'unità virtuale, HDDSuperClone copia anche quei dati sul disco/file immagine di destinazione. Quando si accede agli stessi dati la volta successiva, HDDSuperClone prende i dati dal disco/immagine di destinazione anziché dal disco di origine. Questa modalità riduce notevolmente lo strappo e l'usura del disco di origine. Ciò è particolarmente importante quando il disco non funziona correttamente o sta morendo.

Questo articolo ti mostrerà come R-Studio può lavorare insieme a HDDSuperClone in questa modalità. Cercheremo di recuperare i dati da un'unità difettosa (Seagate ST380817AS) che non può essere elaborata direttamente a causa delle sue cattive condizioni.

è necessario svolgere le seguenti attività:

1. Collegare l'unità di origine e l'unità di destinazione. Se l'unità di origine è piccola, è possibile utilizzare un file immagine del disco anziché un altro disco rigido.
Installazione hardware per HDDSuperClone e R-Studio
Installazione hardware per HDDSuperClone e R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Il sistema operativo nel computer host è Ubuntu 20.04.2 LTS, kernel Linux 5.4.0-67-generico x86_64.

2. Eseguire HDDSuperClone e crea un nuovo progetto. Quindi, installare il driver virtuale prima di collegare l'origine e la destinazione. Poiché l'unità di origine è piccola, nel nostro caso la destinazione potrebbe essere un file di immagine. Selezionare la modalità virtuale necessaria e cliccare sul pulsante Start.
HDDSuperClone collegato all'unità sorgente
HDDSuperClone collegato all'unità sorgente
Clicca sull'immagine per ingrandire

Puoi leggere ulteriori informazioni sull'utilizzo di HDDSuperClone nella relativa documentazione: Manuale utente di HDDSuperClone.

Nel sistema apparirà un'unità virtuale.
Unità virtuale creata da HDDSuperClone
Unità virtuale creata da HDDSuperClone
Clicca sull'immagine per ingrandire

È necessario attendere un paio di minuti per consentire al sistema operativo host di completare l'elaborazione di questa unità virtuale.

3. Esegui R-Studio e individua l'unità virtuale creata da HDDSuperClone.
Disco rigido difettoso e relativo disco virtuale creato da HDDSuperClone in R-Studio
Disco rigido difettoso e relativo disco virtuale creato da HDDSuperClone in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Si noti che il disco rigido reale è apparso anche in R-Studio, ma non è stato possibile leggere nulla a causa delle sue scarse condizioni hardware.

4. Avvia il processo di scansione per il contenitore APFS trovato sull'unità virtuale creata da HDDSuperClone.
Processo di scansione per l'unità virtuale creata da HDDSuperClone
Processo di scansione per l'unità virtuale creata da HDDSuperClone
Clicca sull'immagine per ingrandire

E attendi i risultati della scansione
Risultati della scansione per l'unità virtuale creata da HDDSuperClone
Risultati della scansione per l'unità virtuale creata da HDDSuperClone
Clicca sull'immagine per ingrandire

Una volta che l'area del disco in cui risiede il contenitore APFS è stata scansionata, HDDSuperClone prenderà tutti i dati da quell'area dal file immagine anziché dall'unità di origine.

5. Enumera i file su una delle partizioni riconosciute, ad esempio Recognized4.
File trovati nella partizione Recognized2
File trovati nella partizione Recognized2
Clicca sull'immagine per ingrandire

I file trovati possono essere visualizzati in anteprima, cercati e contrassegnati per il ripristino.
Anteprima del file per un file pdf
Anteprima del file per un file pdf
Clicca sull'immagine per ingrandire

Infine, i file e le cartelle contrassegnati possono essere recuperati.

Conclusione
Come mostra il nostro articolo, R-Studio e HDDSuperClone possono lavorare insieme con successo. La combinazione di capacità di imaging del disco avanzate con HDDSuperClone e le prestazioni di recupero dati superiori di R-Studio aumentano notevolmente le possibilità di ripristino dei dati da dischi rigidi difettosi. Allo stesso tempo, l'imaging parziale eseguito da HDDSuperClone riduce notevolmente i possibili danni che potrebbero deteriorare ulteriormente le condizioni del disco rigido.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...