La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Ripristino RAID: Presentazione

R-Studio rileva e tratta RAID software o hardware come unità/volumi regolari. Ma cosa fare se si dispone solo di unità o immagini di unità di un RAID difettoso? R-Studio può comunque aiutarti a recuperare i dati, a condizione che le unità necessarie per il funzionamento del RAID funzionino o che tu abbia le immagini di tali unità. Il numero di unità necessarie per recuperare i dati dipende dal layout RAID. Ad esempio, per un mirror (RAID 1) di due unità, almeno una deve essere valida, mentre per un RAID 5 di tre dischi, il numero di unità valide dovrebbe essere due.

L'utilizzo dei RAID in R-Studio si basa sul concetto di volumi virtuali e RAID. Cioè, puoi costruire il RAID originale dalle sue unità e/o immagini in R-Studio ed elaborarlo come faresti con qualsiasi altro disco. Un tale disco virtuale può essere scansionato e i file trovati su di esso possono essere recuperati nello stesso modo di normali unità/volumi.

I RAID virtuali possono essere costruiti utilizzando qualsiasi dispositivo di archiviazione visibile in R-Studio, siano essi dischi rigidi, dischi logici o immagini.

Si noti che i volumi virtuali e i RAID sono oggetti puramente virtuali e R-Studio non scrive nulla sui dispositivi fisici da cui vengono creati tali immagini.

Puoi leggere ulteriori informazioni sull'utilizzo di RAID nella guida in linea di R-Studio: Set di volumi e RAID.

R-Studio supporta molti livelli e tipi di RAID. Questo articolo descrive la creazione e l'utilizzo delle seguenti configurazioni RAID:

Impariamo a lavorare con i RAID in R-Studio creando un semplice RAID 5:

Creazione di un RAID 5 virtuale semplice
Parametri:
1. Numero di dischi: tre
2. Oggetti in R-Studio: #1 SCSI(3:0), #2 SCSI(3:1), #3 SCSI(3:2)
3. Dimensione blocco: 64 KB
4. Offset: 0
5. Ordine di blocco: sinistro asincrono (continua)

1 2 PD
3 PD 4
PD 5 6

Dove PD sta per Parità dei Dati

Creazione di un RAID virtuale, passaggio 1
Clicca sull'immagine per ingrandire
Per creare un tale RAID:
1. Fai clic sul pulsante Crea set di volumi virtuali o RAID e seleziona Crea RAID a blocchi virtuali. L'oggetto RAID5 virtuale appena creato apparirà nel pannello Unità e la scheda Genitori apparirà nel pannello principale di R-Studio.
Verifica che Applica modifiche immediatamente sia selezionato.

Creazione di un RAID virtuale, passaggio 2
Clicca sull'immagine per ingrandire
2. Trascina gli oggetti da cui vogliamo creare il RAID5 nella scheda Genitori e posizionali nell'ordine corretto, ovvero SCSI(3:0), SCSI (3:1), SCSI(3:2).

3. Specificare l'ordine e l'offset corretti dei blocchi (in settori). Non appena R-Studio rileva un file system valido, un nuovo oggetto Partizione 1 apparirà nel riquadro Drive.

Possiamo elaborare questa partizione come un oggetto reale.

Enumeriamo i file su quella partizione. Basta fare doppio clic sull'oggetto e vedere la struttura di cartelle/file sul RAID 5 virtuale.

Enumerazione dei file
Clicca sull'immagine per ingrandire
Possiamo verificare di aver costruito correttamente il RAID5. Basta fare doppio clic su un file grafico e R-Studio ne mostrerà l'anteprima.
Anteprima file
Clicca sull'immagine per ingrandire
Si noti che è necessario specificare correttamente ogni parametro RAID, che si tratti dell'ordine del dispositivo, dell'offset, dell'ordine dei blocchi e delle dimensioni, per ripristinare i file con successo. R-Studio a volte potrebbe rilevare un oggetto con un file system valido anche se uno dei parametri non è corretto, quindi è una buona idea visualizzare in anteprima un file - più grande è, meglio è - per verificare di aver costruito correttamente il RAID. Utilizzare questa formula per determinare la dimensione minima consigliata:

Dimensione blocco * (numero di dischi -1)

Nel nostro caso, la dimensione minima del file sarebbe 64 KB (la dimensione del blocco) tre dischi meno un disco (2), che arriva a 128 KB.

Puoi leggere come trovare i parametri RAID nei nostri articoli: automaticamente: Rilevamento automatico dei parametri RAID o manualmente: Ricerca dei parametri RAID.

Puoi anche creare le tue configurazioni RAID, salvarle, quindi modificarle e ricaricarle. Se alcuni degli oggetti sono mancanti, puoi sostituirli con oggetti Disco mancante o Spazio vuoto. Per i dettagli, vedere la guida in linea di R-Studio: Utilizzo di layout RAID avanzati.

Attivare dischi online e offline al volo
È possibile trasformare gli oggetti nel RAID virtuale o nel volume impostato online e offline selezionando/deselezionando la casella di controllo On nella scheda Genitori. Può essere utile, ad esempio, se hai bisogno di vedere quale disco non è effettivo in un RAID 5.
In realtà quando metti un oggetto offline, R-Studio lo sostituisce internamente con un disco mancante uguale alla dimensione del disco offline.

Ora possiamo procedere con un esempio più avanzato.

Creazione di un RAID5 virtuale avanzato
Ora useremo le immagini di unità come oggetti da cui creeremo il RAID5

Parametri
1. Numero di dischi: tre
2. Oggetti in R-Studio: file immagine disco: Y:\Disk1.dsk, Y:\Disk2.dsk, Y:\Disk3.dsk
3 Dimensioni blocco: 4 KB
4. Offset: 16 MB (32768 settori)
5. Ordine di blocco: personalizzato

PD 1 2
PD 3 4
PD 5 6
7 PD 8
9 PD 10
11 PD 12
13 14 PD
15 16 PD
17 18 PD

Per creare un tale RAID,
1. Fai clic sul pulsante Crea set di volumi virtuali o RAID e seleziona Crea RAID a blocchi virtuali. L'oggetto Virtual Block RAID appena creato apparirà nel pannello Unità e la scheda Genitori apparirà nel pannello principale di R-Studio.

Creazione di un RAID virtuale complesso, passaggio 1
Clicca sull'immagine per ingrandire
Verifica che Applica modifiche immediatamente sia deselezionato, poiché qui faremo molte modifiche e non c'è motivo per fare in modo che R-Studio esegua le modifiche a meno che non abbiamo finito.

2. Trascina gli oggetti da cui vogliamo creare il RAID 5 nella scheda Genitori.

Creazione di un RAID virtuale complesso, passaggio 2
Clicca sull'immagine per ingrandire
Quindi posizionali nell'ordine corretto, ovvero Y:\Disk1.dsk, Y:\Disk2.dsk, Y:\Disk3.dsk.
Seleziona Personalizzato nel tipo RAID e inserisci la dimensione del blocco e l'offset nella scheda Genitori. Ignora il campo Blocca ordine per il momento.

3. Inserisci manualmente 9 nel campo Numero di righe nella scheda Genitori. Il campo Blocca ordine cambierà in Personalizzato. Fai clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella Ordine di blocco e seleziona Cancella tutto

Creazione di un RAID virtuale complesso, passaggio 3
Clicca sull'immagine per ingrandire
Inserisci l'ordine di blocco nella tabella nella scheda Genitori. Usa la finestra Sequenze RAID per navigare nella tabella.
Utilizzo della tastiera: tasti freccia per navigare, cifre e tasti P per inserire l'ordine dei blocchi.
Utilizzando il mouse: fai clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e seleziona il numero o la parità dal menu di scelta rapida. Se la tabella dei blocchi è troppo grande, è meglio utilizzare la tastiera per inserire le cifre.
Correzioni: R-Studio indicherà se alcune cifre non sono corrette contrassegnando la cella con il colore rosso. Passare alla cella richiesta e inserire il valore corretto. Usa il tasto Elimina per cancellare una cella.
Cancella la tabella: fai clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella e seleziona Cancella tutto nel menu di scelta rapida.

4. Al termine della compilazione della tabella degli ordini, fai clic sul pulsante Applica nella scheda Genitori.
Creazione di un RAID virtuale complesso, passaggio 4
Clicca sull'immagine per ingrandire

Non appena R-Studio rileva un file system valido, un nuovo oggetto Volume apparirà nel riquadro Drive. Possiamo elaborare questa partizione come un oggetto reale.

Enumeriamo i file su quella partizione. Basta fare doppio clic e vedere la struttura di cartelle/file sul RAID 5 virtuale.

Enumerazione dei file
Clicca sull'immagine per ingrandire
Possiamo verificare di aver costruito correttamente il RAID 5. Basta fare doppio clic su un file grafico e R-Studio ne mostrerà l'anteprima.

Anteprima file
Clicca sull'immagine per ingrandire

È inoltre possibile creare le proprie configurazioni RAID utilizzando un file di descrizione per le configurazioni RAID. Per i dettagli, vedere la guida in linea di R-Studio: Sintassi di un file di descrizione per le configurazioni RAID.

Recupero dei dati da un RAID complesso (un RAID-on-RAID o un sistema RAID annidato)
Useremo una configurazione RAID5+1 come esempio di un sistema RAID complesso. Il layout RAID5+1 è un RAID1 (mirror) su due layout RAID 5.

Disposizione RAID5+1
Clicca sull'immagine per ingrandire

La configurazione RAID da testare:

  • Genitori del primo RAID5: tre immagini disco (RAID51_11, RAID51_12, RAID51_13)
  • Genitori del secondo RAID5: tre immagini disco (RAID51_21, RAID51_22, RAID51_23)

Entrambi i RAID 5 hanno lo stesso layout:

  • Offset: 2048 settori
  • Dimensione blocco: 32 KB
  • Tabella dei blocchi (sincrona a destra):
PD 1 2
4 PD 3
5 6 PD

Dove PD sta per Parità dei Dati

Se i parametri RAID sono sconosciuti, puoi trovarli automaticamente o manualmente.

Per creare un RAID5+1, procedi come segue:
1. Carica i file immagine in R-Studio:

File di immagine caricati in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

2. Creare due RAID 5, aggiungere i RAID padre ai rispettivi RAID e specificare i parametri RAID per entrambi i RAID 5.

2 RAID creati 5
Clicca sull'immagine per ingrandire

3. Crea un mirror virtuale e aggiungi i RAID al mirror virtuale.

Mirror virtuale composto da due RAID
Clicca sull'immagine per ingrandire

Ora che il RAID5+1 è stato creato, può essere elaborato come un oggetto reale. I suoi file possono essere enumerati, visualizzati in anteprima e recuperati.

Anteprima di un file sul RAID5+1 ricostruito
Clicca sull'immagine per ingrandire

Volumi creati da vari gestori di dischi e volumi.
R-Studio è in grado di riconoscere tali volumi e assemblarli automaticamente. Attualmente sono supportati i seguenti gestori:

R-Studio può assemblarli automaticamente anche quando i loro database sono leggermente danneggiati. Se alcuni componenti sono danneggiati così gravemente che R-Studio non è in grado di riconoscerli, possono essere aggiunti manualmente. Puoi leggere ulteriori informazioni sull'utilizzo di tali oggetti nella guida in linea di R-Studio: Vari Disk and Volume Manager.

Ad esempio, consentiremo a R-Studio di assemblare uno spazio di archiviazione Windows (WSS) configurato come dispositivo di parità.

Quando i componenti WSS sono collegati al computer, R-Studio li riconosce e li assembla automaticamente in un WSS.

Spazio di archiviazione di Windows creato automaticamente
Clicca sull'immagine per ingrandire

Si noti che potrebbero essere due istanze di WSS (o un altro oggetto riconoscibile dall'host Windows), una assemblata da R-Studio, l'altra dallo stesso Windows. Il loro contenuto potrebbe essere molto diverso, se il file system di quell'oggetto è danneggiato.

Quando viene selezionato il WSS, R-Studio ne evidenzia i componenti. Evidenzia anche lo spazio di archiviazione che Windows stesso può creare dagli stessi componenti.

La scheda Componenti WSS consente di disconnettere o collegare manualmente i componenti, ad esempio, se sono talmente danneggiati che R-Studio non è in grado di riconoscerli come parti di un WSS.

Aggiunta manuale di un componente allo spazio di archiviazione di Windows
Clicca sull'immagine per ingrandire

Selezionare l'oggetto dalla casella a discesa e fare clic sul pulsante Connetti. R-Studio mostra in blu gli oggetti che riconosce come componenti dello spazio di archiviazione.

Spazio di archiviazione di Windows con un componente aggiunto manualmente
Clicca sull'immagine per ingrandire

È possibile passare immediatamente alla configurazione dello spazio di archiviazione che R-Studio ritiene più probabile facendo clic sul pulsante Riassembla.

Collegamento di RAID virtuali al sistema operativo
(solo versione per tecnici)
R-Studio può connettere qualsiasi oggetto virtuale nel suo Pannello dispositivi (RAID incluso) al sistema operativo host come unità fisiche virtuali di sola lettura o partizioni del disco. Al momento della connessione, i file su quegli oggetti diventano accessibili al sistema e ad altri programmi installati.

Questa opzione è utile quando devi copiare alcuni file da questo oggetto piuttosto che recuperare tutti i file e hai bisogno di un'applicazione specifica per riprodurre quei file, o R-Studio non supporta attualmente il file system su quell'oggetto virtuale e hai bisogno un altro programma di recupero dati per elaborarlo.

Useremo R-Studio per assemblare un RAID5 virtuale dalle immagini dei suoi dischi principali e quindi collegare questo RAID5 virtuale al sistema host per ottenere l'accesso ai suoi file.

Per collegare un RAID5 al sistema,
1. Carica le immagini del disco e assembla un RAID5 virtuale da esse.

RAID5 virtuale assemblato
Clicca sull'immagine per ingrandire

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Virtual Block RAID 1 e selezionare Monta nel menu di scelta rapida.

Collegamento di RAID5 virtuale al sistema operativo host
Clicca sull'immagine per ingrandire

Selezionare Monta come: partizione per rendere immediatamente accessibile l'oggetto al sistema operativo host. È inoltre possibile selezionare Monta come: Unità fisica, se l'oggetto contiene più partizioni. Leggi la guida in linea del R-Studio Technician per scoprire quale opzione è più adatta al tuo caso: Collegamento di oggetti virtuali al sistema come unità virtuali.

L'oggetto connesso apparirà nel pannello principale di R-Studio

Partizione virtuale connessa in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

e in Gestione disco di Windows:

Partizione virtuale connessa in Gestione disco di Windows
Clicca sull'immagine per ingrandire

Ora i file su questa partizione diventano accessibili al sistema operativo host.

File sulla partizione virtuale connessa
Clicca sull'immagine per ingrandire

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...