La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Recupero dati da un disco esterno con un file system danneggiato

Nota: il ripristino dei dati da vari dischi formattati è descritto nei seguenti articoli:

I dischi USB esterni stanno diventando ogni giorno più grandi, più veloci e più convenienti. Questo li rende ideali per l'uso come dispositivi di archiviazione di massa per musica, video, foto o come archiviazione di backup per file e sistemi.

Sebbene i dischi USB siano generalmente molto affidabili come archiviazione di file, introducono alcuni rischi unici rispetto ai dischi interni e ai supporti non rimovibili. I rischi più evidenti sono i rischi fisici, come la caduta di un disco a terra, la manipolazione impropria o l'esposizione ad ambienti ostili (caldo o freddo estremo, umidità o luce solare diretta) per un periodo prolungato.

Anche gli errori logici causati da una rimozione impropria da un computer o da un'improvvisa interruzione dell'alimentazione sono un rischio comune per i dischi rigidi rimovibili e le unità flash. Tutti i principali sistemi operativi includono un comando "eject", che prepara il disco a essere rimosso fisicamente dal computer o dispositivo. Ciò garantisce che nessuna operazione di scrittura sia attualmente in corso quando il disco viene rimosso. Se un disco viene disconnesso in modo approssimativo mentre il sistema operativo vi accede, il file system del disco potrebbe essere danneggiato, rendendo inaccessibile il disco (e i file su di esso). Quando si tenta di montare il disco, il computer non sarà in grado di riconoscere il file system o potrebbe vederlo come spazio non allocato (e quindi chiedere di formattare il disco). Lo screenshot seguente mostra un disco danneggiato in Gestione disco di Windows.
Un disco esterno con un file system danneggiato in Gestione disco di Windows
Clicca sull'immagine per ingrandire

Altri sistemi operativi mostrano tali dischi più o meno allo stesso modo

Un disco esterno con un file system danneggiato in Utility Disco di Mac OS X
Clicca sull'immagine per ingrandire

Un disco esterno con un file system danneggiato in Linux (Ubuntu) Utility Disco
Clicca sull'immagine per ingrandire

A giudicare dalle informazioni fornite da queste utilità del disco, può sembrare che i dati sul disco siano stati completamente cancellati o persi. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, non è così. Alcuni o tutti i tuoi dati potrebbero essere ancora sul disco, anche se invisibili al sistema operativo.

R-Studio è un'utilità di recupero dati che ti consente di "vedere" quei dati in modi che il sistema operativo non può. R-Studio può identificare e analizzare il contenuto del disco danneggiato senza fare affidamento su un file system intatto. Ciò ti consente di recuperare i tuoi dati importanti, anche se il disco è danneggiato oltre la leggibilità. Questo articolo ti mostrerà come farlo, passo dopo passo.

Prima di iniziare
Importante: questo tutorial passo passo sul ripristino dei dati presume che il disco sia in buone condizioni fisiche e sia danneggiato a causa di un errore logico (ad esempio, disconnessione impropria o riformattazione accidentale). Se sembra esserci un problema hardware con il disco o se il disco ha subito una sorta di trauma fisico, è meglio cercare i servizi di uno specialista professionista del recupero dati. Oltre a controllare che i cavi siano saldamente collegati, qualsiasi tentativo di recupero dati "fai da te" potrebbe effettivamente peggiorare le tue possibilità di recuperare i dati se il tuo disco ha un grave malfunzionamento fisico. I segni che un disco ha un guasto fisico includono:

  • Il sistema non riconosce affatto il dispositivo o appare con un nome insolito o confuso.
  • Un'utilità SMART (Self-Monitoring, Analysis and Reporting Technology) avverte che si è verificato un evento di guasto hardware grave.
  • Il disco rigido emette rumori, clic insoliti o impiega molto tempo per avviarsi e avviarsi.
  • I blocchi danneggiati vengono visualizzati continuamente sull'unità.

Tutti questi casi sono gestiti al meglio solo da professionisti qualificati di recupero dati. Hanno attrezzature speciali, software e, soprattutto, le competenze necessarie per lavorare con tali unità. Né R-Studio, né altri software di recupero dati ti aiuteranno in questi casi. Inoltre, qualsiasi ulteriore manomissione di tale unità infliggerà sicuramente più danni ai tuoi dati. Molto spesso, tali danni renderanno i dati completamente irrecuperabili.

Ci sono alcuni altri suggerimenti generali prima di iniziare. Innanzitutto, è meglio utilizzare l'interfaccia più veloce disponibile durante il ripristino dei dati. Molte unità USB hanno interfacce eSATA aggiuntive, che sono più veloci persino di USB 3.0. Inoltre, assicurati di avere spazio sufficiente per ripristinare i file recuperati. R-Studio può salvare file su qualsiasi unità locale o di rete visibile al sistema operativo host. Non salvare mai i file recuperati sullo stesso disco da cui vengono recuperati. Infine, non è necessario acquistare R-Studio per avviare il processo di recupero dati. È possibile eseguire la maggior parte di questi passaggi utilizzando la modalità Demo. Ciò ti consentirà di stimare le possibilità di un corretto ripristino dei file. Se sembra che i tuoi file possano essere recuperati, puoi acquistare una licenza R-Studio e inserire la chiave di registrazione al volo senza reinstallare il software o riavviare il processo.

Detto questo, iniziamo.
(Nota: gli screenshot in questo tutorial provengono da R-Studio per Windows, ma la procedura è la stessa per le versioni Mac e Linux.)

Per recuperare i dati da un disco formattato o danneggiato, attenersi alla seguente procedura:

Passo 1
Avvia R-Studio e individua il disco danneggiato. Molto probabilmente, verrà mostrato come un disco senza un file system valido.
Il disco esterno con un file system danneggiato in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Passo 2
Scansiona il disco danneggiato. Per fare ciò, fai clic con il pulsante destro del mouse sul disco danneggiato e seleziona Scansione dal menu di scelta rapida. Si apre la finestra di dialogo Scansione.
Nella finestra di dialogo Scansione, ti verranno presentate una serie di opzioni.
La finestra di dialogo Scansione in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Area di scansione
Per la maggior parte dei file system, le informazioni sulla struttura dei file possono essere sparse sull'intero disco, quindi è meglio eseguire la scansione dell'intero disco (impostazione predefinita).
File System
Se sai con certezza quale file system è stato utilizzato dal disco, selezionalo qui. Se non sei sicuro, usa uno dei file system predefiniti:

  • Per Windows - NTFS
  • Per Mac - HFS/APFS
  • Per schede di memoria SD e chiavette USB - FAT
  • Per Linux - Ext2/Ext3/Ext4

Ricerca aggiuntiva per tipi di file noti
Seleziona la casella accanto a "Ricerca aggiuntiva per tipi di file noti" per attivare un algoritmo di recupero dati aggiuntivo, noto anche come ricerca di firme di file o recupero di file non elaborati.

Puoi anche selezionare i tipi di file specifici che desideri cercare. Per fare ciò, fare clic sul pulsante Tipi di file conosciuti. Nella finestra di dialogo Tipi di file conosciuti, seleziona ogni tipo di file che desideri includere nella ricerca e fai clic su OK.
Finestra di dialogo Tipi di file conosciuti
Clicca sull'immagine per ingrandire

Per ulteriori informazioni sui tipi di file supportati da R-Studio, fare riferimento alla documentazione della guida in linea: Elenco dei tipi di file conosciuti.

Se un determinato tipo di file non è supportato in modo nativo, puoi specificare il tuo tipo di file noto. L'articolo Creazione di un tipo di file noto personalizzato per R-Studio spiega come.

Se non sei sicuro o non sai quale firma del file stai cercando, lascia la selezione così com'è.

Salva su file
Sebbene sia facoltativo, ti consigliamo di selezionare la casella accanto a "Salva su file". Ciò salverà le informazioni di scansione in un file in modo da non dover eseguire nuovamente la scansione del disco se il processo viene interrotto. Si noti che, a seconda della complessità della struttura di file e cartelle, il file delle informazioni di scansione (.scn) può raggiungere il 10% delle dimensioni del disco da scansionare.

Vista Scansione
A meno che non si lavori su una macchina vecchia e lenta, non è necessario modificare l'opzione di Visualizzazione Scansione predefinita. La selezione di Semplice o Nessuno può velocizzare la scansione su macchine meno recenti, ma per la maggior parte dei computer non farà abbastanza differenza per essere vantaggiosa.

Quando hai finito con le opzioni, fai clic sul pulsante Scansione. R-Studio avvierà la scansione del disco e ne mostrerà l'avanzamento.
Avanzamento della scansione
Clicca sull'immagine per ingrandire

Nota: la scansione di dischi di grandi dimensioni, in particolare collegati tramite interfacce relativamente lente come USB 2.0, potrebbe richiedere molto tempo, quindi sii paziente.

Passaggio 3
Visualizza i risultati della ricerca. Quando R-Studio termina la scansione, mostrerà le partizioni riconosciute (dischi che R-Studio crede esistessero sul disco).
Risultati della scansione
Clicca sull'immagine per ingrandire

R-Studio li mostra in diversi colori, a seconda di quali elementi della partizione sono stati trovati.

Un disco logico o una partizione esistente.
Sia i record di avvio che le voci di file si trovano per questa partizione.
Sono state trovate solo voci di file per questa partizione.
Vengono trovati solo i record di avvio per questa partizione.
Spazio vuoto sull'oggetto.
File che sono stati trovati utilizzando la scansione per tipi di file conosciuti.

Sebbene tali partizioni riconosciute siano oggetti virtuali, R-Studio consente di ricercare file persi e recuperare tali file.

Se R-Studio ha trovato più partizioni riconosciute, è necessario determinare quale corrisponde al disco logico reale su cui risiedevano i file. In generale, si applicano le seguenti linee guida:

  • Se hai intenzione di recuperare file da un disco con un file system danneggiato, molto probabilmente la partizione riconosciuta corretta sarà verde.
  • Se hai intenzione di recuperare file da una partizione precedentemente eliminata o riformattata, molto probabilmente la partizione giusta riconosciuta sarà gialla.

Questo, tuttavia, non sarà sempre il caso. Controllare sempre anche il file system, il punto iniziale e le dimensioni della partizione riconosciuta. Dovrebbero essere gli stessi per la partizione riconosciuta e il disco logico perso. In caso di dubbio, prova a visualizzare in anteprima un paio di file dalla partizione riconosciuta. Se i file vengono visualizzati correttamente, è probabile che tu abbia selezionato la partizione giusta.

Nel nostro caso, la partizione riconosciuta che corrisponde al disco logico perso è quella verde Riconosciuta1.

Passaggio 4
Fare doppio clic sulla partizione per sfogliarne il contenuto. R-Studio inizierà a enumerare i file su di esso e mostrerà i file e le cartelle trovati.
File enumerati
Clicca sull'immagine per ingrandire

Passaggio 5
Contrassegna i file e le cartelle che desideri recuperare. Puoi farlo facendo clic sulla casella di controllo accanto al file dal pannello a destra.
File e cartelle contrassegnati per il ripristino
Clicca sull'immagine per ingrandire

Se l'unità è relativamente piccola, questo metodo funziona abbastanza bene. Ma per unità più grandi con molti file, diventa meno fattibile. Invece di passare al setaccio ogni file uno per uno, R-Studio ti offre alcuni modi per trovare rapidamente i file persi.

Ordina file
Sopra il pannello Registro c'è la barra Ordinato per:. Per impostazione predefinita, la scheda Reale è selezionata. Questo visualizza il contenuto della partizione in base a come sono configurati sul disco. Utilizzando le altre schede della barra Ordinato per:, puoi organizzare i file in modo diverso:

  • Estensioni: ordina i file in base al tipo di file (ad esempio, .jpg, .tif, .docx).
  • Tempo di creazione - Ordina i file in base all'ora in cui il file è stato creato sul disco logico originale.
  • Tempo di modifica - Ordina i file in base all'ora in cui il file è stato modificato l'ultima volta.
  • Orario di accesso - Ordina i file in base all'ora in cui è stato effettuato l'ultimo accesso.

Ordinato per estensioni
Clicca sull'immagine per ingrandire

Trova/Segna
Il pulsante Trova/Segna nella parte superiore dello schermo consente di cercare i file in base a una serie di parametri. Facendo clic sul pulsante si apre la finestra di dialogo Trova/Segna, in cui è possibile specificare i parametri di ricerca.
Finestra di dialogo Trova/Cerca.
Clicca sull'immagine per ingrandire
Utilizzando i caratteri jolly (come * e ?) puoi cercare gruppi di file con nomi o estensioni simili.

Ulteriori informazioni sulla ricerca di file nella guida in linea di R-Studio: Ricerca di un file.

File trovati extra (partizione riconosciuta)
Ti consigliamo inoltre di guardare la cartella Extra Found Files all'interno della partizione riconosciuta. R-Studio mette in questa cartella quei file di cui non è possibile determinare le cartelle principali. Se il file system è gravemente danneggiato, qui potrebbero essere visualizzati molti file.
File trovati extra nella partizione riconosciuta1
Clicca sull'immagine per ingrandire

File trovati extra (riquadro Unità)
Se il file system sul disco è danneggiato in modo troppo grave e non riesci a trovare i tuoi file in nessuna partizione riconosciuta, cerca i tuoi file in File trovati extra nel riquadro Unità. (Da non confondere con la cartella Extra Found Files in una partizione riconosciuta.) R-Studio inserisce i file trovati utilizzando l'algoritmo Scan for Known File Types (o la ricerca di file non elaborati) in questa posizione.
Tali file trovati perdono i loro nomi di file, ma il loro contenuto potrebbe essere buono.
File trovati extra
Clicca sull'immagine per ingrandire

Passaggio 6
Visualizzare in anteprima i file facendo doppio clic su di essi. Questo passaggio è facoltativo, ma è molto utile quando si valutano le possibilità di recuperare il file. Ciò è particolarmente utile se si utilizza R-Studio in modalità Demo e si desidera assicurarsi che i file possano essere recuperati prima di acquistare una licenza.

R-Studio ha un visualizzatore di anteprima integrato molto potente che supporta la maggior parte dei file audio, video e grafici, nonché i file PDF. Può anche visualizzare documenti di Microsoft Office senza che Office sia installato sul tuo computer. Per un elenco dei formati di file supportati in R-Studio, fare riferimento alla guida in linea di R-Studio: Elenco dei formati di file supportati.
Anteprima file
Clicca sull'immagine per ingrandire

Se il file è danneggiato, verrà visualizzato un avviso speciale. Se sembra che molti o tutti i file non possano essere visualizzati in anteprima, è probabile che sia stata selezionata la partizione sbagliata. In caso contrario, il disco potrebbe essere danneggiato in modo troppo grave.

Passaggio 7
Recupera i file contrassegnati. Questo è il punto in cui è necessaria una versione registrata di R-Studio. Con la versione Demo è possibile recuperare solo file fino a 64 KB.

Per iniziare il ripristino, fai clic sul pulsante Recupera contrassegnato. Questo apre la finestra di dialogo Recupera. Seleziona la cartella di output, che è la posizione in cui verranno salvati i dati recuperati. Importante: non tentare mai di salvare file o cartelle recuperati sullo stesso disco logico da cui vengono recuperati. Ciò può causare conflitti e ulteriori danni all'unità, che potrebbero causare la perdita di tutti i dati.

Quindi, scegli le tue opzioni di recupero. Se non sei sicuro, lasciali così come sono. Se necessario, leggere ulteriori informazioni sui parametri di ripristino dei dati nella guida in linea di R-Studio: Recupero file di base.

Fai clic su OK quando sei pronto per iniziare il processo di ripristino.
Anteprima file
Finestra di dialogo Recupera

R-Studio avvierà il ripristino del file, mostrandone l'avanzamento.
Risultati del recupero file

I tuoi file recuperati possono ora essere visualizzati nella cartella di output. Se il ripristino ha esito positivo, è possibile riformattare o smaltire il disco rigido danneggiato (sebbene sia una buona idea creare un'immagine dell'unità o attendere alcune settimane prima di smaltire l'unità danneggiata). Se hai salvato i risultati della scansione nel passaggio 2, puoi recuperare più file dall'unità in un secondo momento senza ripetere la scansione del disco.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...