La nostra missione è quella di fornire soluzioni software veloci, efficienti, a costo contenuto che definiscano nuovi standard nell'industria dello sviluppo software.
  • Lavoro congiunto di hardware R-Studio e PC-3000 UDMA

Esistono due tipi di cause per la perdita di dati: guasti hardware del disco rigido ed errori logici nei dati memorizzati. Gli errori fisici all'interno dell'hardware rendono l'accesso ai dati memorizzati sul disco rigido molto difficile o addirittura impossibile quando si utilizzano le porte del disco di sistema convenzionali. In questo caso, è necessario utilizzare un hardware speciale per accedere ai dati sull'unità ed estrarli.

Gli errori logici sul disco possono essere informazioni di sistema errate, file di sistema corrotti o danneggiati, file sovrascritti, catene di cluster perse, ecc. In questo caso, è necessario utilizzare uno speciale software di recupero dati per recuperare i dati.

Nella maggior parte dei casi, anche gli errori fisici del disco causano errori logici. Ciò richiede una combinazione di hardware di recupero dati speciale per l'accesso fisico all'unità e di software di recupero dati per il ripristino logico da dischi rigidi difettosi.

Quasi tutto l'hardware di recupero dati viene fornito in bundle con un software che di solito fornisce risultati molto buoni. Potrebbe comunque essere sensato provare un altro programma di recupero dati se il software in dotazione non ha funzionato in modo soddisfacente. Diversi produttori di software utilizzano approcci diversi per il recupero dei dati e buoni programmi potrebbero funzionare in modo molto diverso in casi diversi.

È ancora meglio se questo programma alternativo può funzionare direttamente con l'hardware di recupero dati. In questo caso, l'hardware può estrarre i dati dal disco rigido difettoso e inviarli direttamente al software, evitando così alcuni passaggi intermedi come l'imaging del disco. Un buon esempio può essere DeepSpar Disk Imager™ (DDI) di DeepSpar e R-Studio, dato che R-Studio può accedere direttamente ai dati su un disco rigido collegato all'hardware DDI . Maggiori informazioni su questa collaborazione nella pagina della guida in linea di R-Studio DeepSpar Disk Imager™.

Sono disponibili diversi hardware per il recupero dei dati, come la famiglia PC-3000 ACELab. Questo dispositivo è molto apprezzato nel mondo del recupero dati e ampiamente utilizzato per ripristinare dischi rigidi che hanno subito gravi guasti fisici. Viene fornito in bundle con un programma di recupero dati abbastanza performante, Data Extractor, ma come accennato in precedenza, è una buona idea avere un altro programma con cui si possa interfacciare.

R-Studio potrebbe essere un ottimo candidato come programma alternativo. È molto apprezzato dai professionisti e vanta tutte le capacità necessarie per risolvere molte complesse attività di recupero dati. Ecco perché abbiamo deciso di testare l'accoppiata di R-Studio e una delle schede hardware PC-3000 più popolari, la PC-3000 UDMA.

Di solito, il recupero dei dati da dischi rigidi danneggiati inizia con l'imaging. Ciò è necessario per garantire la sicurezza dei dati ed evitare il danneggiamento accidentale dei dati originali sul disco, ma è un processo molto lungo. Ciò è particolarmente vero quando l'unità non funziona correttamente.

In questo caso, il disco rigido potrebbe non funzionare durante questo processo quando il suo stato hardware è molto scadente. Inoltre, alcuni dischi rigidi difettosi a volte smettono di rispondere in un lasso di tempo relativamente breve. In genere riprendono il loro normale funzionamento dopo un po' di tempo, ma tali interruzioni rendono l'imaging del disco rigido molto difficile e, in alcuni casi, impossibile. Di conseguenza, è più opportuno recuperare i dati direttamente dal disco quando si ripristinano solo piccoli volumi di dati.

Nella nostra analisi, collegheremo un disco rigido di prova alla scheda UDMA PC-3000 e proveremo a utilizzare R-Studio per accedere ai file su quell'unità.

Dobbiamo completare i seguenti passaggi:

1. Collegare il disco rigido alla scheda UDMA PC-3000. Avviare il computer, eseguire l'utilità PC 3000 Win XXX Disk dal software PC 3000 e assicurarsi che la scheda UDMA PC 3000 funzioni con il disco rigido.
Un disco rigido collegato al sistema tramite la scheda UDMA PC-3000
Un disco rigido collegato al sistema tramite la scheda UDMA PC-3000
Clicca sull'immagine per ingrandire

Fare riferimento alla documentazione della scheda UDMA PC-3000 per i dettagli.

2. Eseguire R-Studio e individuare il disco dal PC-3000 sul pannello R-Studio Device.
Un disco rigido collegato tramite la scheda UDMA PC-3000 in R-Studio
Un disco rigido collegato tramite la scheda UDMA PC-3000 in R-Studio
Clicca sull'immagine per ingrandire

Dovrebbe apparire come qualsiasi altro disco rigido convenzionale.

3. Eseguire le necessarie operazioni di recupero dati. Puoi lavorare con il disco rigido come se fosse collegato direttamente al sistema. Ad esempio, è possibile eseguire la scansione dell'unità.
Scansione del disco rigido del PC-3000
Scansione del disco rigido del PC-3000
Clicca sull'immagine per ingrandire

R-Studio mostrerà i risultati della scansione al termine della scansione o quando il processo di scansione viene interrotto.
Risultato della scansione per il disco rigido del PC-3000
Risultato della scansione per il disco rigido del PC-3000
Clicca sull'immagine per ingrandire

Quindi, i file e le cartelle possono essere enumerati su una qualsiasi delle partizioni riconosciute. Abbiamo scelto Recognized2 nel nostro test.
File e cartelle trovati sul disco rigido del PC-3000
File e cartelle trovati sul disco rigido del PC-3000
Clicca sull'immagine per ingrandire

I file e le cartelle trovati possono essere visualizzati in anteprima, recuperati, ricercati ed elaborati anche in altri modi, proprio come se si trovassero su un disco rigido collegato direttamente al sistema.

Conclusioni
Il nostro test ha dimostrato che R-Studio e la scheda UDMA PC-3000 possono lavorare insieme con successo. I dischi rigidi collegati alla scheda possono essere elaborati come se fossero unità collegate a porte disco convenzionali. Inoltre, i dischi rigidi collegati tramite le schede PC-3000 possono essere inclusi in vari oggetti virtuali in R-Studio, inclusi RAID virtuali, volumi LDM/LVM e simili. Queste collaborazioni consentono agli utenti di sfruttare hardware specializzato per il recupero dei dati insieme a un programma avanzato di recupero dei dati alternativo e migliorare notevolmente i risultati del loro progetto di recupero dei dati.

Commenti sul Recupero dati
362 feedbacks
Rating: 4.8 / 5
Hi!

I used some software for data recovery on MAC, but THIS IS only one, that help me!!!

THX :)

bye
Tom from Hungary
I want to upgrade it to the technician tool.
This tool is amazing. I was able to recover 5 years` worth of lost photos by imaging 4 disks from a corrupted RAID 10 array.

It did a byte copy of the disks and then replicated the array layout and I could see the files instantly. I`d recommend it to anyone, especially at these license fees. You`ll struggle to get better for the price.
After several attempts, using various softwaretools, I wasn`t able to recover any files from my encrypted drive.
I almost had to come to terms with the darkest of dark scenarios, losing it all to oblivion and no one to blame but myself.
Then I came across the demo version of R-studio and decided to giving it a final try.
YES-yes-yes... Utterly wonderfully fabulously FANTASTIC R-Studio!
The most important files were in good condition so (the paid version of) R-Studio could recover these right away.
Unfortunately ...
I accidentally deleted several gigs worth of data from an external drive - no restore point. I tried other recovery software, but what was `recovered` was mostly junk files in randomized order. Considering the cost of professional data recovery, and given the online reviews, I decided to purchase R-Studio.

Wow. Everything - like, EVERYTHING I had ever moved to the Trash from that drive - was recovered, folder and subfolder structure intact.

I am grateful and beyond impressed at this program`s price point ...